Crociera Caraibi 2004

Itinerario
“Le perle del Caribe” si visitano 7 isole in 7 giorni, scendendo a terra tutti i giorni.
La nave Costa che percorre l’itinerario “le perle del Caribe” è la Costa Classica.
La Classica è una delle navi più vecchie della flotta Costa: è stata costruita negli anni ’90 e ristrutturata qualche anno fa. Pur trattandosi di una nave molto bella e ben attrezzata, devo dire che sia noi che tutti i passeggeri con cui abbiamo avuto modo di parlare ci aspettavamo maggiore lusso e “sfarzosità”, caratteristiche sicuramente garantite sulle imbarcazioni di nuova costruzione. L’arredamento e la struttura stessa della nave facevano proprio pensare ad uno stile un po’ sorpassato, anche se ben tenuti e sicuramente accoglienti e comodi.
La nave è dotata di:
– un ristorante lussuoso
– un ristorante più informale a buffet
– un ristorantino/pizzeria molto moderno e accogliente
– più bar, anche all’aperto
– un teatro
– una sala conferenze
– un casinò
– una discoteca
– un centro benessere con parrucchiere
– una palestra
– una sala lettura
– una sala carte
– una sala giochi
– alcuni negozi
– due mini-piscine
– una piccola chiesa.
La nave, pertanto, altro non è che un villaggio turistico galleggiante, dotato di numerosissimi servizi e comfort.


tn_PICT4062.JPG tn_PICT4063.JPG tn_PICT4064.JPG

tn_PICT4069.JPG tn_PICT4065.JPG tn_PICT4067.JPG
Primo Giorno: Isola Catalina
Il primo giorno la nave si ferma in rada davanti a Catalina, stupenda isoletta della Repubblica Dominicana, ed è organizzato un servizio continuo di trasporto con lance dalla nave all’isola e viceversa. Sulla piccolissima isola, dall’aspetto pienamente caraibico, la Costa possiede una propria spiaggia privata dove è possibile prendere il sole per tutta la giornata. È inoltre organizzato un buffet per il pranzo (per chi non vuole risalire in nave), animazione, servizio bar continuo. Imperdibile il mercatino caraibico dov’è possibile acquistare bellissimi quadri e batik, che vi saranno proposti a 250 dollari ma che riuscirete sicuramente a portarvi a casa a 30-40 dollari!

tn_PICT4035.JPG tn_PICT4040.JPG tn_PICT4034.JPG

tn_PICT4030.JPG tn_PICT4046.JPG tn_PICT4032.JPG

tn_PICT4051.JPG tn_PICT4054.JPG tn_PICT4071.JPG

tn_PICT4036.JPG tn_PICT4026.JPG tn_PICT4022.JPG tn_PICT4055.JPG tn_PICT4021.JPG

Secondo Giorno: Isola di Tortola
Il secondo giorno la nave attracca nel porto della capitale di Tortola, isola di cultura inglese, piuttosto grande e dotata di bellissime spiagge. A differenza del primo giorno, pertanto, (e così sarà per tutti i giorni a venire), i passeggeri sono liberi di visitare l’isola o autonomamente o tramite le escursioni a pagamento organizzate dalla Costa, non essendoci una spiaggia privata Costa la cui frequentazione sia inclusa nel prezzo come nel caso di Catalina. Ciò significa che si scende a terra e ci si organizza liberamente, chiedendo ai locali quali sono le spiagge più belle e, soprattutto, utilizzando i taxi che vi accolgono al porto. Noi abbiamo deciso di visitare la città che, devo dire, non è molto bella. Mi è stato comunque detto che le spiagge nell’isola di Tortola sono magnifiche.

tn_PICT4074.JPG tn_PICT4082.JPG tn_PICT4078.JPG

tn_PICT4088.JPG tn_PICT4091.JPG tn_PICT4130.JPG
Terzo giorno : Isola di Martinica
Martinica è una grande isola di cultura francese, anch’essa dotata di meravigliose spiagge e di grandi città dove spicca una forte impronta occidentale. Posso affermare che si ha l’impressione di essere in Costa Azzurra! Prima di risalire a bordo della nave abbiamo visitato la capitale, davvero bella e ricca di negozi e folklore.
tn_PICT4162.JPG tn_PICT4174.JPG tn_PICT4190.JPG

tn_PICT4183.JPG tn_PICT4172.JPG tn_PICT4196.JPG

tn_PICT4199.JPG tn_PICT4207.JPG tn_PICT4202.JPG

tn_PICT4184.JPG tn_PICT4180.JPG tn_PICT4185.JPG tn_PICT4194.JPG tn_PICT4193.JPG

Quarto giorno: Isola di Barbados
Il quarto giorno la nave attracca a Bridgetown, la capitale della meravigliosa isola di Barbados, di cultura anglosassone. Barbados è piuttosto piccola, quindi visitabile interamente in poche ore. Bellissime le spiagge, con un mare quasi ovunque “oceanico”, ossia molto agitato ma dai colori meravigliosi: il paradiso per i surfisti. Noi abbiamo noleggiato un’auto che ci ha permesso di visitare tutta quanta l’isola con comodità, siamo stati alla bellissima Paradise Beach e altre splendide spiagge sia sul lato oceanico che su quello caraibico, infine abbiamo visitato Bridgetown, molto carina e caratteristica con le sue casette colorate.

tn_PICT4314.JPG tn_PICT4222.JPG tn_PICT4250.JPG

tn_PICT4250.JPG tn_PICT4252.JPG tn_PICT4271.JPG

tn_PICT4223.JPG tn_PICT4225.JPG tn_PICT4229.JPG tn_PICT4236.JPG tn_PICT4227.JPG

tn_PICT4248.JPG tn_PICT4255.JPG tn_PICT4256.JPG tn_PICT4286.JPG tn_PICT4307.JPG

tn_PICT4274.JPG tn_PICT4282.JPG tn_PICT4287.JPG

tn_PICT4291.JPG tn_PICT4302.JPG tn_PICT4311.JPG

Quinto Giorno: Isola di Grenada
Grenada, geograficamente, fa parte delle Indie Occidentali Oltre a Grenada vi fanno parte le isole di Anguilla, Dominica e Martinica. Barbados, Trinidad e Tobago, pur essendo vicinissime a Grenada, non fanno parte di questi due “arcipelaghi”. Grenada è di origine prettamente vulcanica (ed ancora ne conserva aspetto e territorio).
Situata appena 100 km a nord del Venezuela, Grenada è la più grande delle tre isolette che formano lo stato indipendente di Grenada.
Il mercato è una istituzione, un rito, che si ripete tutti i giorni della settimana, ma il sabato raggiunge il suo apice, quando decine e decine di donne e di uomini raggiungono la capitale da ogni angolo dell’isola per vendere i loro prodotti. Qui si trovano, ad ottimo prezzo, frutta e verdura, ma anche ogni sorta di spezie, Bello il mercato all’aperto, ed anche se cade qualche goccia di pioggia, nessuno ci fa caso … poi torna il sole. Il mercato al coperto è un insieme di colori, di profumi, di visi e di vestiti, di un incredibile varietà, tanto da lasciare inebriato il turista

tn_PICT4324.JPG tn_PICT4325.JPG tn_PICT4334.JPG

tn_PICT4337.JPG tn_PICT4340.JPG tn_PICT4343.JPG

tn_PICT4352.JPG tn_PICT4359.JPG tn_PICT4363.JPG

tn_PICT4366.JPG tn_PICT4370.JPG tn_PICT4369.JPG

tn_PICT4329.JPG tn_PICT4345.JPG tn_PICT4348.JPG tn_PICT4358.JPG tn_PICT4360.JPG

tn_PICT4368.JPG tn_PICT4380.JPG tn_PICT4374.JPG tn_PICT4349.JPG tn_PICT4377.JPG

Sesto giorno: Isola di S. Marteen
L’isola di S. Marteen, per metà francese e per metà olandese, è piccola e bellissima al pari di Barbados dicono…. perché non siamo riusciti ad arrivarci e il bello è che non sappiamo neanche perché il comandante ha detto che la nave non riusciva ad attraccare causa il mare ma a noi sembrava calmo, unico neo di questo viaggio.

tn_PICT4387.JPG tn_PICT4394.JPG tn_PICT4398.JPG

tn_PICT4409.JPG tn_PICT4418.JPG tn_PICT4421.JPG

Settimo Giorno: La Romana
L’ultimo giorno si ritorna alla città dominicana de La Romana, questa volta liberi di visitarla o di muoversi nelle zone circostanti. Vicino alla città c’è, infatti, la meravigliosa località di villeggiatura Casa de Campos, dove alloggiano i ricconi europei ed americani, ed il paesino Altos de Chavon, costruito intorno al 1970 ad imitazione di un villaggio europeo seicentesco. Vi consiglio di visitarli entrambi prendendo il pullmino che vi aspetta alla discesa della nave che, al prezzo di 4 dollari, vi porta e vi riconduce al porto. Altrimenti risalite il fiume Chavon (dove hanno girato Apocalypse Now) con una barchetta di locali.

tn_PICT4454.JPG tn_PICT4462.JPG tn_PICT4468.JPG

tn_PICT4470.JPG tn_PICT4472.JPG tn_PICT4473.JPG

tn_PICT4445.JPG tn_PICT4448.JPG tn_PICT4450.JPG

Questa voce è stata pubblicata in Crociera Caraibi 2004 e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.